nomadi digitali
L'esploratore

Vivere da nomadi digitali: mito o realtà?

Quante volte parlando con gli amici davanti una birra o due avete parlato di aprire il famoso chiosco sulla spiaggia in Brasile? Essere nomadi digitali è l’evoluzione di questa idea, poter viaggiare in tutto il mondo senza avere orari fissi (o quasi) e sfruttare le potenzialità di internet per creare un business online.

Ormai su internet e su Amazon è pieno di guide su come abbandonare la solita vita monotona fatta di bollette, affitto, orari fissi di lavoro, traffico ecc e mollare tutto salutando con un bel dito medio alzato e girare il mondo liberi come uccelli vedendo posti magnifici e conoscendo nuove persone…

meme lunedì

 

Tutto bello vero? state già preparandovi una frase ad effetto da dire al vostro capo domani a lavoro? Fossi in voi aspetterei…quello che si legge nei vari blog che vendono la formula magica per iniziare ad essere nomadi digitali è spesso una semplificazione (a dir poco) di quello che bisogna fare.

Prima di tutto chiedetevi il perché volete intraprendere questo tipo di vita, lo fate perché vi piace viaggiare e conoscere posti nuovi o semplicemente per sfuggire ai vostri problemi? Nel secondo caso ho una brutta notizia da darvi, i problemi rimangono anche da nomade digitale! Se avete problemi con voi stessi e nel relazionarvi ad altre persone questo tipo di vita non farà che amplificarli, quindi prima di fare questa scelta cercate dentro voi stessi il motivo di questi problemi e risolveteli!

Non pensate che basti aprire un blog o aderire all’ennesimo programma di affiliate marketing per poter guadagnare e vivere girando il mondo, altrimenti il mondo sarebbe pieno di blogger con il passaporto in tasca non credete? Per poter affrontare questo tipo di vita bisogna fare un piano per preciso, capire cosa appassiona e cercare di usare la rete per portare avanti quella passione.

Non buttatevi subito a capofitto scegliendo di iniziare una vita nomade in mezzo ai monaci della Mongolia Orientale nutrendovi di bacche, ognuno trova il suo modo di essere nomade digitale. C’è chi preferisce l’avventura e chi sceglie di spostarsi ogni tanto da una città all’altra quando le condizioni economiche e personali lo permettono. Quindi provate magari a prendervi un’aspettativa dal lavoro o sfruttare le ferie per testare questo tipo di vita a poco a poco.

Lavora su te stesso, cerca di promuovere la tua attività, fai networking, partecipa ad eventi insomma per dirla in maniera international fai personal branding, fai vedere come quello che fai può essere utile e, sopratutto, individua chi siano i tuoi target users, cioè i destinatari della tua offerta.

Un esempio? Durante i miei viaggi ho conosciuto persone che fanno life coaching via internet, lezioni di canto via Skype, oppure più semplicemente sono programmatori e designer che lavorano da remoto tutti nomadi digitali a loro modo.

Spero che queste dritte vi siano servite come punto di partenza per capire se questo stile faccia per voi, fatemi sapere che ne pensate nei commenti! Ciao uccellini occhialuti!

Vivere da nomadi digitali: mito o realtà? ultima modifica: 2017-12-02T16:00:41+00:00 da Re Oculus

Commenti

commenti

Vivere da nomadi digitali: mito o realtà?

Popolari

To Top